Quest’anno WOW! si arricchisce di due novità. La valutazione della tipicità sarà più precisa. Introduciamo il Fattore T: Taste, Terroir, Tradition. La nostra idea di tipicità. Una sezione dedicata, con una giuria specializzata, sarà dedicata alla valutazione delle bollicine

Primo #1 la valutazione della tipicità sarà più precisa. Introduciamo il Fattore T: Taste, Terroir, Tradition. La nostra idea di tipicità.

I giudici, dopo aver valutato in centesimi la qualità del vino, dovranno esprimersi anche sul livello di tipicità , con una valutazione da 1 a 10. I vini vincitori delle medaglie (oro, argento, bronzo) WOW! avranno quindi avuto i massimi giudizi di eccellenza qualitativa ed espressione territoriale.

Criteri di valutazione delle 3T

L’esperienza della prima edizione, la grande partecipazione, la curiosità dei lettori anche dall’estero, ci ha indotto a dare ancor maggiore peso al valore della tipicità. Abbiamo anche deciso di definirla, creando un sistema di riferimento anche per i giudici, grandi degustatori molto sensibili. L’abbiamo chiamato Fattore T, composto tra i tre elementi che a nostri avviso possono guidarci a riconoscere i vini più tipici:

* TASTE (inteso come sapore, il sapore della terra d’origine, il riconoscimento di un qualche elemento che indubitabilmente ci porti al luogo d’origine, come il sapore di mare in un grande Vermentino di Gallura)

* TERROIR (parola magica dell’eccellenza enologica, la sintesi sottile dell’espressione di un suolo, un savoir-faire e un clima specifici)

* TRADITION (la presenza di elementi che rimandano ad antichi saperi, conservati o reinterpretati, ma ben presenti, come un rosso veronese non Amarone ma prodotto con il tradizionale metodo dell’appassimento o un Brunello affinato in barrique ma sapido e delicato come un grande Montalcino d’antan)

Secondo #2 una sezione dedicata, con una giuria specializzata, sarà dedicata alla valutazione delle bollicine. Il mondo degli spumanti si sta specializzando sempre più e la tipologia incontra grandi favori di mercato, e WOW! The Italian Wine Competition andrà alla ricerca di bollicine eccellenti e più espressive d’Italia.

Il tavolo sarà composto da 4 degustatori (leggi “La giuria”) che assaggeranno 8-12 vini della medesima tipologia e li valuteranno.

I vini saranno assaggiati alla cieca (ovvero senza sapere chi li ha prodotti). Gli assaggiatori conosceranno solo l’origine del vino, le uve utilizzate, le caratteristiche dell’affinamentol’annata, la fascia di prezzo, l’eventuale residuo zuccherino o metodo di spumantizzazione.